Paolo Vitali & Sonja Brambati
Larioclimb | Larioski | Bike | Qualido | Val di Mello | Masino-Bregaglia
Scialp | Alta Valtellina | Lecchese |Viaggi-Trips | Bibliografia |
@mail
 

CIME DEI FORNI 3240 m
CIMA DEL FORNO OCCIDENTALE 3227 m
CIMA DEL FORNO CENTRALE 3240 m
CIMA DEL FORNO ORIENTALE 3247 m
da Santa Caterina Valfurna, per il Rif.Forni e per la Val Pisella
variante per la Val Manzina
Le gite in Alta Valtellina (SO)
 
 
Gallery Centrale  Apri con Google Earth  Gallery Orientale   Gallery Occidentale/Vedretta Castelli
  
.
Q. partenza
Santa Caterina 1735 m
Rifugio Forni 2170 m
Dislivello
Sviluppo
Orientamento
Tempo
Map Datum WGS 84
N46° 24.736' E10° 30.896'
N46° 25.203' E10° 33.350'
Cime dei Forni
1060/1500
10/18 km
S-SE
3/5 h
N46° 26.931' E10° 32.363'
Cima del Forno Occidentale
N46° 26.889' E10° 32.607'
Cima del Forno Centrale
N46° 26.987' E10° 32.779'
Cima del Forno Orientame N46° 26.950' E10° 32.976'

Note: gita classica primaverile, quando si raggiunge il Rif.Forni in macchina, ma ottima anche d'inverno, scarrozzandosi i 4km che separano il parcheggio di S.Caterina dal Rif.Forni con le pelli. Pendenze non elevate, per tutte le cime attenzione pero' ai pendii finali.

Accesso stradale: da Sondrio per la Valfurva fino a Santa Caterina, oltrepassare il parcheggio degli impianti e seguire ancora per un poco la strada innevata verso il Rif.Forni. Parcheggiare in fondo al piano dove viene chiusa la strada, località Nassegno. In primavera è possibile arrivare direttamente al Rif. dei Forni in macchina e partire da qui.
Percorso: seguire la strada fino al Rif.Forni (4 km), quindi il sentiero in direzione del Rif.Pizzini, fino al secondo tornante. Dove il sentiero piega decisamente a destra salire invece più diretti, passando per le Baite dei Forni e poi rimontando il ripido dosso che immette sulla morena pianeggiante che ospita il Laghetto dei Forni. Da qui salire verso nord per dossi e vallette in direzione della costa rocciosa del Monte dei Forni visibile a destra e poi proseguire sotto di questa leggermente verso sinistra. Giunti su di un pianoro si risale la ripida costa a destra fino al pianoro e morena sovrastante (Rock Glacier). Seguire la linea morenica leggermente verso sinistra, quindi risalire decisi a sinistra un pendio più ripido che porta ad un evidente sella, e di qui brevemente per la cresta a destra alla Cima centrale, a sinistra per l'Occidentale. . Con condizioni di neve assestata si può anche salire diretti nel centro dell'anfiteatro alla cresta e quindi a destra per la Cima Orientale (3247m).
Variante per la Val Manzina: per la Cima piu' occidentale, sengata sulla mappa come Cime dei Forni 3240m, e possibile salire dal Rif.Stella Alpina per la Val Manzina, giunti in prossimità del lago omonimo deviare decisamente a destra rispetto alla gita della Cima della Manzina, due canalini successivo conducono sotto il pendio finale, che necessita neve assestata, altrimenti occorre seguire piu' a destra la cresta sud.
Cima Orientale: per questa cima occorre invece salire brevemente per la stradina del Rif.Pizzini, lasciandola quando questa entra a destra nella valle, per portarsi sulla evidente dorsale a sinistra. Si seguono poi bei pendii e vallette sempre tenendosi a destra della cresta. L'ultimo tratto si percorre per l'affilata cresta, oppure a destra per pendi, ripidi verso la cima.

Sulla cresta finale della Cima Orientale

Discesa: per gli itinerari di salita. Dalla Cima Occidentale, abbasandosi a leggermente a ovest fino alla selletta a quota 3181m, è possibile immetrsi sulla Vedretta Dei Castelli, una splendida sciata verso la Val Zebru'. In basso si segue il solco del torrente Zebru', che conduce fino alla Capanna Pastori. Poi la Val Zebru' fino a Madonna dei Monti è il pegno da pagare!
Cartografia: KOMPASS 072 Parco Nazionale dello Stelvio 1:.50.000 - KOMPASS 636 Ortles 1:25.000 


Mappa ricavata da Openmtbmap.org  


Testi, disegni e immagini: Copyright  ©  2004-2021  Paolo Vitali - www.paolo-sonja.net